Nel documento rilasciato dal Garante della Privacy sono contenute informazioni utili per tutelare i dati personali e trascorrere una vacanza sicura.

 

Nel periodo estivo sono sempre più le persone che si spostano per le vacanze e, contestualmente, aumentano anche i rischi che minacciano la privacy online degli utenti. Il Garante per la protezione dei dati personali ha così rilasciato un documento, intitolato “@-state in privacy”, in cui sono contenute informazioni utili per tutelare la propria privacy e trascorrere una vacanza in tutta sicurezza. Ecco una sintesi dei consigli che potete trovare al suo interno.

 

1 – Attenzione alle foto

Non tutti desideriamo ugualmente apparire: se postiamo foto o video in cui sono presenti altre persone, è sempre meglio accertarsi che queste ne siano consapevoli, soprattutto se si inseriscono tag e se si pubblicano sui social network. Il livello di attenzione deve poi aumentare se inseriamo foto con minori.

 

2 – Geolocalizzazione e “social-ladri”

Prestare sempre molta attenzione quando comunichiamo dove e con chi stiamo passando le nostre vacanze: i “social-ladri” sono sempre in agguato! Postando sui social informazioni sulle nostre vacanze, stiamo indirettamente comunicando che la nostra casa è vuota. I consigli sono sempre gli stessi:

  • Disattivare le opzioni di geolocalizzazione
  • Accettare amicizie solamente di persone realmente conosciute
  • Limitare la visibilità dei propri post social agli amici

 

3 – Hotspot Wi-Fi: occhio alla sicurezza!

Le connessioni messe a disposizione da hotel, bar e stabilimenti balneari potrebbero non essere troppo protette. Suggeriamo quindi di non utilizzarle per operazioni rischiose e delicate come possono essere la visualizzazione del conto in banca o gli acquisti on line con la carta di credito.

 

4 – I virus sono ovunque

Dobbiamo sempre prestare molta attenzione alle mail che contengono offerte eccezionali su viaggi e affitti vacanze che si possono visualizzare, ad esempio, cliccando su link che richiedono dati personali o bancari. Virus informatici, software spia, ramsonware e phishing possono essere sempre in agguato. Così come possono anche nascondersi dietro app di giochi o suggerimenti turistici. Il consiglio è sempre quello di effettuare il download dai market ufficiali e leggere con attenzione la descrizione dell’applicazione.