Allegati multimediali e nomi utenti non verranno più contati nel numero di caratteri dei tweet.

 

Il grande cambiamento nel numero di caratteri per i tweet è finalmente arrivato. E non si tratta di un grande cambiamento; o meglio, non di quello che la maggior parte degli utenti si aspettava. La novità, infatti, non riguarda direttamente il numero di caratteri inseribili, ma gli elementi che vengono conteggiati come tali: i file multimediali (foto, sondaggi, GIF e video) non priveranno più gli utenti di preziosi caratteri, così come non lo faranno i nomi autogenerati all’interno dei commenti ai post. Tale aggiornamento era già stato annunciato in un post sul blog ufficiale ed è stato reso effettivo all’inizio della settimana.

 

In questo modo, Twitter vuole rendere più semplice e più coinvolgente l’esperienza degli utenti, agevolando in un colpo solo la condivisione di materiale multimediale (che sta assumendo sempre più rilevanza nelle logiche dei social) e la scrittura dei tweet. A determinare questo cambiamento è stata sicuramente la necessità di frenare il periodo negativo che vede il social faticare nella monetizzazione nonostante l’alto numero di utenti (320 milioni a marzo 2016).

 

Come cambieranno i tweet

 

Per rendere questo cambiamento possibile, Twitter ha sostanzialmente escluso dal testo visualizzabile le mention e gli URL degli allegati multimediali, così da dare risalto al testo e ridurre il numero di caratteri occupati. Questo cambiamento non renderà meno chiare le conversazioni, visto che il nome della persona alla quale è rivolta una risposta o un commento apparirà in un box sotto al nome di chi scrive.

 

tweet-numeo caratteri

I possibili modi in cui le risposte potrebbero apparire. (Fonte: www.dev.twitter.com)

 

Questa modifica darà sostanzialmente agli utenti la possibilità di intavolare conversazioni più ricche, grazie al maggior spazio a disposizione. Facilitando la condivisione di materiale visivo, essa dovrebbe anche generare un aumento del coinvolgimento e delle interazioni: secondo uno studio fatto da Twitter, infatti, foto e video ottengono dai retweet rispettivamente un aumento del 35 e del 28%.

 

Ciò che invece non è stato cambiato è l’impatto dei link, i quali, anche in forma accorciata, occupano fino a 23 caratteri. Sebbene vi siano state molte voci a riguardo, nessuno dei comunicati ufficiali di Twitter ha mai reso concreto questa possibilità, la quale rimane ancora un’incertezza assoluta. L’unica certezza è che il social manterrà un limite fisso ai caratteri, in modo da poter conservare il carattere breve e immediato che lo ha reso popolare.