L’idea è di un’azienda olandese: una spilla riconosciuta dalla fotocamera che oscura il volto di chi la indossa, per impedire la condivisione web.

 

Un software capace di rendere invisibile il volto di una persona quando una sua foto viene condivisa nel web o nei social senza il suo consenso. È la nuova trovata dall’azienda olandese AVG Innovation Labs per provare a tutelare maggiormente la privacy degli utenti su Internet. Proviamo a vedere come funziona.

 

L’utilizzo è piuttosto semplice: l’utente deve indossare indossi una spilletta (o un adesivo) dal logo originale e con la scritta “Do not snap”, che tradotto significa “Niente scatti”. Da questo punto in poi entra in gioco il software –  il cui codice verrà integrato nelle varie app – che provvederà a riconoscere il volto della persona che indossa il logo e lo cancellerà nel momento in cui viene postata o condivisa sul web.

 

Sembra un ottimo tentativo per cercare di mantenere il controllo del materiale fotografico che viene inviato e condiviso in grandi quantità sui social network e nel web. Ogni giorno quasi 2 miliardi di foto che riguardano aspetti differenti della nostra vita vengono inserite online. A rischiare sono poi i più giovani che possono, loro malgrado, essere immortalati in situazioni molto imbarazzanti e spiacevoli.

 

La soluzione dell’azienda olandese AVG Innovation Labs, se implementata, potrebbe davvero aiutare a evitare effetti indesiderati e rispettare al meglio la volontà delle persone, tutelando la loro privacy. Per incoraggiare la sua adozione, il software “Do not snap” è a disposizione per il download gratuito. Non è ancora stato previsto un piano per lo sviluppo commerciale del software ed è quindi possibile che ci voglia un po’ prima che venga integrato nelle app e nei social più usati dagli utenti del web.