Navigazione da mobile, video, testi migliori: anche l’email marketing deve fare i conti con i nuovi trend.

 

 

L’email marketing è uno strumento molto efficace, dal momento che permette di comunicare direttamente con un gruppo selezionato di utenti e di legarlo all’azienda con aggiornamenti e novità interessanti. Ma, come tutti i canali comunicativi, anche l’email deve rispettare le tendenze e le preferenze che il pubblico esprime.

 

I comportamenti digitali si stanno evolvendo, grazie soprattutto all’avvento del mobile e dei social network: quali sono quindi i trend di cui una buona campagna di email marketing deve tenere conto? Sulla base di alcune ricerche, i principali aspetti da tenere in considerazione sono 7.  Ecco quali.

 

Il boom dei video

 

Il video sta diventando sempre di più il formato dominante, capace di coinvolgere gli utenti, stimolare la condivisione e comunicare numerose informazioni in poco tempo. Inserire un elemento video nelle proprie email, quindi, significa sfruttare il potenziale comunicativo di questo tipo di contenuto per migliorare il CTR (Click-Through-Rate).

 

La presenza del video (in particolar modo il tipo interattivo, come le GIF) influisce in modo importante anche sulla capacità del brand di distinguersi dalla concorrenza, come dimostra uno studio di Demand Metric. Questo è un chiaro segnale che l’utente è più interessato ad un tipo di messaggio dinamico.

 

Personalizzato è bello

 

Un’indagine ha dimostrato che gli utenti non sono interessati ai messaggi che non sembrano parlare direttamente a loro o che non stimolano i loro interessi. Questo è facilmente comprensibile: l’email è una comunicazione diretta e, per questo, dev’essere realizzata su misura per il tipo di persone alle quali si rivolge.

 

Rendere uniche le email in modo che rispettino le caratteristiche del pubblico target è il modo migliore per aumentare il tasso di apertura e il coinvolgimento. Questo può essere fatto raccogliendo e analizzando le informazioni più utili per capire come stimolare gli utenti: compleanni, età, comportamento in Rete e professione sono solo alcuni dei fattori sui quali si può lavorare per fare in modo che il potenziale cliente legga una mail che sembra davvero destinata solo e unicamente a lui.

 

Mobile first

 

Il mobile è il primo canale di navigazione e di ricerca, quindi è indispensabile adattarsi alle sue logiche, anche quando si parla di email marketing. Secondo Litmus, il 56% di chi legge una mail preferisce farlo via smartphone, mentre, come indica BlueHornet, il 42% cancella immediatamente i messaggi se questi non vengono visualizzati in maniera corretta sul dispositivo.

 

Come adattarsi al regno del mobile? Contenuti brevi e semplici, immagini e video più leggeri e layout responsivi sono la chiave per migliorare le performance della propria campagna.

 

Breve ed efficace

 

Ogni giorno gli utenti ricevono centinaia di mail. Questo significa che, per ottenere il suo scopo, il nostro messaggio dovrà essere immediato, chiaro e utile, in modo da far perdere meno tempo possibile al destinatario ed evitare di essere cestinato.

 

Un’analisi di Boomerang ha mostrato come la lunghezza ideale di un testo sia tra i 50 e i 125 caratteri, mentre l’oggetto dovrebbe essere di 3-4 parole.

 

email-marketing-lunghezza-testo

Nell’email marketing, è necessario trovare una lungezza ideale per ottenere i giusti risultati.

 

Condivisione social

 

I social media sono i principali strumenti ai quali l’utente ricorre per la condivisione di ciò che ritiene utile e interessante, fattore che può essere sfruttato per migliorare l’engagement e la performance delle campagne.

 

Nonprofit Hub ha rilevato come le email contenenti un pulsante per la condivisione sui social abbiano generato un aumento del CTR del 150%. Ovviamente, non tutti i tipi di mail si sposano con questo genere di azione, ma quelli che lo fanno possono trarre un enorme beneficio da questa integrazione tra i due canali.

 

Dalla gente, per la gente

 

Attraverso i social network è molto facile reperire immagini dei prodotti, recensioni e testimonianze provenienti direttamente dai consumatori. Questo materiale è ottimo per le campagne di email marketing, dal momento che esso rappresenta un mezzo di persuasione genuino ed estremamente vicino alle logiche del consumatore.

 

Inoltre, inviare all’utente un messaggio che promuove un prodotto o un servizio attraverso l’esperienza di una persona comune (quindi con le stesse esigenze e caratteristiche) si avvicina molto al concetto di personalizzazione citato in precedenza.