Roma è la prima città italiana e la terza in Europa con più PC zombie o botnet: rete di device infetti che consentono ai cybercriminali di piazzare attacchi da remoto senza che il proprietario del dispositivo se ne renda conto.

 

Oltre alla capitale, in Italia le città più esposte sono capoluoghi di Regione come Milano (seconda), Torino (settima) e Firenze (ottava), ma anche città come Arezzo (terza) e Modena (decima), a riprova di come questo fenomeno sia trasversale e indipendente dall’importanza politico-economica delle città prese di mira dai cybercriminali. Nell’area Emea (Europa, Medio Oriente ed Africa) il paese che presenta il maggior numero di botnet è la Turchia: nel 2015 molti attacchi di Anonymous si basarono proprio su questo sistema. Questo è quanto emerso dalla ricerca condotta dallo staff di Norton-Symantec che ha analizzato i dati sul cybercrime relativi all’area.

 

Cos’è un PC Zombie o botnet?

Una botnet è una rete formata da dispositivi informatici collegati a Internet, infettati da malware e controllata da un’unica entità, il botmaster. A causa di falle nella sicurezza IT o più spesso per inadeguate valutazioni da parte degli utenti o degli amministratori di sistema, i dispositivi vengono infettati da virus informatici o trojan che permettono ai loro creatori di controllare il sistema da remoto.

Nell’universo del Dark Web c’è anche chi noleggia queste reti di PC zombie, andando a creare veri e propri battaglioni di macchine. Può capitare, infatti, che nei casi delle più grandi botnet si mettano in rete milioni di device connessi ad Internet, grazie ai quali è possibile veicolare attacchi di grandi dimensioni rendendo offline qualche portale web, o ancora coordinare un invio massiccio di spam o commettere una miriade di altri reati nel mondo digitale.

 

Botnet

 

 

In questo segmento di mercato è importante affidarsi a un partner di fiducia che abbia una comprovata esperienza nel settore. La Datamatic Sistemi & Servizi è una delle società maggiormente impegnate nella lotta contro i crimini informatici: più volte ha identificato sistemi botnet e rimosso programmi malevoli da computer di utenti ignari. Anche per questo motivo è diventata un punto di riferimento per le più importanti aziende italiane.

 

 

Dott.ssa Simona Piovano
Digital Forensics Consultant